Archive for the ‘Uncategorized’ Category

CONTRO IL MINISTRO BRUNETTA

Sono una ragazza di 18 anni che studia al liceo classico e al conservatorio, in riferimento al video sul ministro Brunetta che sta circolando su youtube, mi permetto di essere pesantemente insultata e penso di parlare anche a nome dei miei colleghi musicisti non solo italiani ma di tutto il mondo;il lavoro di orchestrale prevede 4/5 ore di prove d’orchestra ogni giorno piu lo studio autonomo a casa dei passi piu difficili e come se non bastasse alcuni si dedicano anche l’insegnamento, impiegando quasi tutta la settimana tra prove, insegnamento e concerti. Inoltre mi permetto di aggiungere, sempre nello stupore delle parole appena ascoltate, che la carriera da musicista è preceduta da almeno 7/8 anni di studio per gli strumenti a fiato fino ad arrivare a 10 anni per pianoforte e violino, piu le lauree e le specializzazioni successive….in quanto non penso che tutti i personaggi della tv, dello spettacolo e della POLITICA siano al loro posto di lavoro solo per meriti professionali e lauree sudate con anni e anni di studio mi permetto di DISSENTIRE le parole del ministro Renato Brunetta e ricordare a tutti che la cultura è molto importante, musica, poesia, danza, canto e il resto sono un patrimonio dell’umanita’…e non deve essere sprecato e diffamato in questo modo. Alessandra

Annunci

MAESTRO UNICO E NUOVA MATURITA’, SI PARTE

ROMA – All’asilo a due anni e mezzo, maestro unico, e nuove regole per l’ammissione alla maturità. Queste le novità per l’anno scolastico 2009-2010 che gli studenti troveranno tornando in classe: alcuni hanno già cominciato, la stragrande maggioranza riparte lunedì. Il 14 settembre suona, infatti, la prima campanella per gli studenti di 12 regioni: Calabria, Campania, Lazio (per il primo ciclo), Liguria, Lombardia, Molise, Piemonte, Toscana, Umbria, Valle d’Aosta, Veneto e province di Trento e Bolzano. L’Emilia Romagna, il Friuli-Venezia Giulia e il Lazio per il secondo ciclo hanno scelto di partire il 15 settembre, la Basilicata e le Marche il 16.

I sardi torneranno a scuola giovedì 17, il 18 si inizia Puglia e Sicilia. Manca ancora una settimana per gli studenti dell’Abruzzo, che inizieranno il 21 settembre. La principale novità è l’abolizione del cosidetto modulo: in base alla legge 133 del 2008 non sono più previste le compresenze di insegnanti, quindi i bambini che quest’anno andranno in prima elementare avranno un unico insegnante prevalente. Una razionalizzazione di risorse, che secondo il ministero, ha consentito di liberare gli insegnati e aumentare il numero classi che faranno il tempo pieno: saranno 2.191 in più rispetto all’anno scorso, per un totale di 50 mila bambini.

Verona, test truccati per l’ammissione al corso di Odontoiatria

L’indagine è in corso nel tribunale di Bari

BARI — Telefoni palmari ad altissime prestazioni tecnolo­giche. Base operativa dotata di computer di ultima generazio­ne e componenti dell’organizzazione «abili e sfrontati», così come sono stati definiti dai finanzieri del nucleo di polizia tributaria. Perché nel timore di essere pedinati cambiavano auto e facevano giri interminabili prima di raggiungere la de­stinazione. Sono i retroscena che emergono dall’inchiesta del­la procura di Bari che ha scoperto come alcuni studenti duran­te le prove di ammissione di Odontoiatria effettuate a Vero­na, ma anche a Foggia e Napoli, avrebbero ricevuto in tempo reale le risposte agli 80 quiz ministeriali. Il sospetto dei finan­zieri è che lo stesso meccanismo di truffa sia stato utilizzato anche durante le prove ai test di Medicina a Foggia. I candida­ti che avrebbero usufruito dell’aiuto sono undici, ma il nume­ro delle persone coinvolte (alcune già iscritte nel registro de­gli indagati) sono 25. Tra questi il presidente del corso di lau­rea di Odontoiatria dell’università di Bari, Felice Roberto Grassi. Tra le persone coinvolte anche il ricercatore barese Andrea Ballini, numerosi candidati e loro genitori che si era­no rivolti agli esperti per ottenere un aiuto durante i test.

I reati ipotizzati sono associazione per delinquere finalizza­ta alla truffa, alla corruzio­ne e alla rivelazione di se­greto d’ufficio. Secondo i fi­nanzieri, per ottenere «l’aiu­to » i candidati sborsavano 30 mila euro, 5 mila dei qua­li all’atto dell’adesione. Il re­clutamento degli studenti, che in codice si iscrivevano a un «torneo», era gestito da un parente del presunto capo dell’organizzazione (rappre­sentante di prodotti per ortodonzia) e ha interessato soprat­tutto figli e parenti di medici, odontoiatri e odontotecnici. L’offerta comprendeva la fornitura di un palmare Htc configu­rato per l’accesso a una casella e-mail, sulla quale i candidati avrebbero dovuto ricevere le risposte ai quiz. L’appartamento utilizzato come «centrale» era nella disponibilità di un asses­sore comunale e odontotecnico di Altamura, che si è dimesso nelle ultime ore, il cui figlio era impegnato nelle prove di am­missione. Venerdì scorso nell’appartamento ad Altamura i fi­nanzieri durante l’irruzione hanno trovato sei persone, coor­dinate da un tecnico universitario, intente ad elaborare il que­stionario ministeriale ricevuto tramite e-mail, grazie alla scansione fotografica dei singoli fogli. Solo una parte delle risposte era stata già trasmessa ai candidati, l’altra era in fase di elaborazione. Due anni fa durante i test di ammissione alla facoltà di Odontoiatria e Medicina gli stessi finanzieri avevano scoper­to un’organizzazione parallela che faceva capo al professore Marcantonio Pollice.

Scandalo ai test d’ammissione di medicina e odontoiatria 2009/2010

Ci risiamo, di nuovo, dopo tante denunce negli anni passati ancora in Italia giovani con tante speranze e voglia di studiare non possono far carriera perchè in giro ci sono persone cosi’ IDIOTE e CODARDE che pur di passare ad un esame,invece di studiare, imbrogliano….

Palmeri con tutte le soluzioni,insegnanti che 5 minuti prima della prova forniscono alle figlie le risposte dei quiz, scandali a Roma dove ragazzi con il cellulare alla fine della prova chiedevano a casa aiuti senza far caso ai docenti che chiedevano loro di consegnare il compito.Scandali anche a Bari purtroppo altra triste vetrina di questi avvenimenti a partire da 2 anni fa con la facolta’ di economia e commercio e quest’anno a Medicina,Foggia,Verona,Bologna….insomma una vera catastrofe e un vero SCHIFO!

In data 2 settembre 2009 una persona non identificata (si sa solo il nome) affermando di essere parente di un dirigente o comunque di un funzionario del Ministero dell’Istruzione, era  a conoscenza delle domande del test di ammissione di Medicina del giorno seguente. Nella chiara evidente di essere una persona estremamente vanitosa e godente di una posizione di superiorità nei confronti degli altri, raccontava ai presenti che sarebbero uscite, ai test di Medicina e Odontoiatria, domande riguardanti il futurismo, Marinetti e qualcosa riguardante l’allunaggio o qualcosa che riguardasse lo spazio.Nel test di Medicina era presente la domanda sul futurismo (chi era il principale esponente), in quello di Odontoiatria sia su Marinetti (chi era l’ideatore del manifesto del futurismo) sia sullo spazio (primo uomo nello spazio).Saranno coincidenze, la ragazza sarà una veggente… chissà… nessuno forse non lo saprà mai.

Seguono a ruota gli scandali di Messina, ove un gruppetto di ragazzi vestiti tutti uguali sono stati messi tutti vicini… e quelli della Sapienza a cui ho assistito in prima persona.
Aule 1 e 2 di Economia: alle ore 13.30 gli studenti, bloccati all’interno dell’aula, senza la possibilità di uscire iniziano a protestare. I parenti, rimasti fuori, tentano di entrare nelle aule.
Nell’aula numero 2 genitori e ragazzi aprono le porte mentre la procedura concorsuale era ancora in atto, entrando ed uscendo liberamente. Nell’aula numero 1 i parenti dei ragazzi tentavano di aprire le porte ma queste venivano bloccate dall’interno dalla commissione.

Intorno alle ore 13.45 mentre nell’aula 2 si poteva tranquillamente fare di tutto e di più, nell’aula 1 alcuni ragazzi si rifiutavano di consegnare il proprio elaborato e continuavano a scrivere, riportando le crocette. Allo stesso tempo, alcuni ragazzi onesti consegnavano l’elaborato entrando in possesso dei propri oggetti personali (cellulari) e, seduti vicino a chi svolgeva ancora il compito, erano obbligati a rimanere seduti.Nel frattempo veniva individuata una ragazza con la borsa sotto il tavolo. La commissione all’inizio decise per l’annullamento della prova nell’intera aula. Si iniziò a sentire urla, grida e pianti che provenivano dall’aula. Tutto mentre c’erano persone che continuavano imperterriti a riportare le risposte del test con accanto ragazzi con i cellulari. Io stesso ricevetti un sms da una ragazza che era chiusa dentro. I ragazzi tra l’altro erano entrati alle 9 ed erano le 14, senza acqua, senza cibo e senza aria condizionata, con le porte chiuse.

Verso le 14, in seguito a urla varie, i parenti dei ragazzi tentarono di aprire le porte, bloccate dalla commissione, una ragazza sfondò letteralmente il muro di gente e, preso un cellulare, chiamò le forze dell’ordine (non so chi) che però dopo 50 minuti non si presentarono.

Nel frattempo, nell’aula 2 di economia, in seguito ad un problema nel conteggio dei plichi, delle anagrafiche e dei documenti, alle ore 14 il sottoscritto entrava tranquillamente insieme a decine se non centinaia di persone nell’aula dove si stava finendo la procedura concorsuale, ovvero mentre c’erano ancora persone con i test in mano e soprattutto chiunque poteva sottrarre dei documenti senza che nessuno se ne accorgesse.

CHE VERGOGNA!

Influenza A, i casi gravi in Emilia sono quattro

Un piano straordinario che ipotizza fino a un milione di casi di influenza A in Emilia-Romagna, una cifra che corrisponde al doppio delle persone colpite dalle influenze tradizionali. Il picco dei contagi è atteso fra la fine di novembre e l’inizio di dicembre, quanco potrebbero esserci 1000-1500 ricoveri in più rispetto alla media, che si aggira sugli 8mila.

E’ l’assessore regionale alla Sanità Giovanni Bissoni a tracciare questo scenario.   Ribadisce che non vi sono ragioni di allarmismo perche’ siamo di fronte ad una influenza dal decorso assolutamente benigno (che si manifesta con febbre, brividi e
dolori articolari) nella stragrande maggioranza di casi, ma che comunque avra’ costi sociali rilevanti se nel giro di poche settimane un quarto della popolazione dovra’ stare a letto o in riposo.

In Emilia Romagna le persona finora colpite sono state 410, quelle sospettate di aver contratto il virus H1N1 sono 1269. I casi più gravi sono 4, come spiega il responsabile della sanità pubblica Pierluigi Macini: oltre al ragazzo di Parma ricoverato a Monza e alla disabile cinquantenne di Cesena, ci sono stati due casi seri a Bologna con i pazienti con assistenza ventilatoria che si sono risolti positivamente.

Fra le misure prese dall’assessorato per far fronte all’espandersi dell’epidemia c’e’ anche il potenziamento delle macchine per la circolazione extracorporea risultate decisiva per salvare la vita al giovane di Parma ricoverato a Monza. Due sono al S.Orsola che ne ricevera’ altre due di ultima generazione, mentre l’altro presidio che ne verra’ dotato e’ l’ospedale Maggiore di Parma.

Per quanto riguarda la vaccinazione, Bissoni ha spiegato che la Regione e’ pronta, ma sulle modalita’ si attendono le decisioni del ministero e proprio domani c’e’ un incontro a Roma.

Scandalo sul programma televisivo Report

I giornalisti della trasmissione di RaiTre rischiano di doversi pagare da soli l’assistenza legale in caso di querela. Ruffini, direttore di rete: “Spero non accada”.Il programma ha affrontato molte cause, ma non è mai stato condannato

Nonostante la smentita da parte della direzione generale Rai, Paolo Ruffini, direttore di Raitre, ha confermato che effettivamente l’azienda di via Mazzini potrebbe rivedere la clausola contrattuale che riguarda la copertura legale della trasmissione di Milena Gabanelli. “Spero che non accada – ha commentato Ruffini – Report ha affrontato molte cause ma nessuna condanna».

Il provvidimento, che costringerebbe i giornalisti del programma a pagarsi da soli l’asssistenza in caso di querele, potrebbe essere l’ammissione, seppur indiretta, che il dg Masi voglia chiudere la trasmissione, dopo essere andato contro Annozero.

Immediata è scattata la solidarietà nei confronti della giornalista e del suo team: nei giorni scorsi si è scatenata corsa alla denuncia da parte degli utenti della rete. E i politici non hanno tardato a muoversi. In un’interrogazione rivolta al ministro dell’Economia Giulio Tremonti, infatti, i radicali Marco Perduca e Donatella Poretti chiedono di sapere “quali siano le motivazioni che hanno spinto l’azienda a sospendere la copertura legale, a quanto ammontino i costi sostenuti in passato e quale e quanti cause siano state perse dalla trasmissione dall’inizio della sua programmazione”.

Lello Di Gioia, coordinatore nazionale dell’organizzazione del Partito Socialista e membro della segreteria, lancia invece un “appello agli avvocati affinché si rendano disponibili a un patrocinio gratuito in favore di Milena Gabanelli e del suo staff”. In poche ore ben trenta avvocati hano risposto all’invito, come si legge in un comunicato dello stesso Di Gioia.

Paolo Ferrero di Rifondazione comunista, intanto, approfitta della notizia per confermare l’adesione alla manifestazione per la difesa della libertà d’informazione del 19 settembre indetta da Fnsi, Articolo 21 e dalle diverse associazioni di categoria.